Pet Marketing Day: animali domestici membri della famiglia.

cane in famiglia

Gli animali domestici sono oggi considerati a pieno titolo nuovi membri della famiglia. E’ questo il punto centrale da cui ha preso il via la prima edizione del ‘Pet Marketing Day’, una conferenza italiana dedicata al marketing nel mondo dei prodotti e servizi per i pet.

Sono oltre 60 milioni gli animali nelle case italiane, con un aumento di circa 500 mila rispetto allo scorso anno (fonte: rapporto Assalco Zoomark). Questo significa che 1 famiglia su 3 ha aperto le porte a un nuovo componente, dedicando tempo, attenzioni e risorse per assicurargli il massimo benessere.

Animali e proprietari, cosa è cambiato?

Nel rapporto tra uomo e animale molto è cambiato. Da compagni di lavoro di un mondo agricolo e rurale, gli animali sono diventati compagni di vita ai quali vengono dedicate cure che possono essere definite di tipo parentale. “Si può parlare di vera e propria umanizzazione dei Pet”- afferma Guido Guerzoni autore del libro Pets – “tanto che l’80% circa di quelli che prima erano chiamati “proprietari” si considerano oggi “mamma” o “papà” del proprio animale domestico”. Se volete leggere una sua interessante intervista: https://www.letture.org/pets-come-gli-animali-domestici-hanno-invaso-le-nostre-case-e-i-nostri-cuori-guido-guerzoni/

Il mercato e i consumi

In questo contesto appare giustificato che il budget dedicato dalle famiglie per la cura dei propri animali sia in costante aumento (oltre 2 miliardi di euro sono stati spesi per il cibo nell’ultimo anno), così come aumenta la propensione verso i prodotti di fascia “premium”.

gatto sul divano

gatto che dorme sul divano come un essere umano

Per il proprio animale domestico, si acquista con sempre maggior consapevolezza e si cerca il meglio. Non a caso, il mercato dei Pet in Italia vale circa 4 miliardi di euro, quanto quello dei prodotti per bambini.

Davide Bartesaghi, direttore della rivista PetB2B, ha individuato alcuni trend che caratterizzano i consumi di questo mercato. Tra questi, l’offerta di accessori e servizi che vanno sempre più verso l’umanizzazione e parentizzazione dei Pet. Rientrano a pieno titolo anche le urne, no?